IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 11 ottobre 2013

VISIONE ARTIFICIALE


di:  Dott. GIUSEPPE COTELLESSA (ENEA)

L’applicazione del brevetto può risultare utilissimo nel campo della visione artificiale.

Laboratorio di Visione Artificiale


Fig. 1. Architettura del sistema

Nel laboratorio di visione artificiale di ENEA a Frascati vengono sviluppati sistemi a radar ottici per visione e metrologia in diversi campi di applicazioni (beni culturali, ambienti under water ed ostili). I reattori a fusione nucleare necessitano di ispezioni periodiche per controllare il degrado dei componenti del vessel durante il funzionamento. Negli impianti nucleari di nuova generazione, dove elevati flussi neutronici e radioattività gamma saranno prodotti, sistemi TV, ccd camera ed altri apparati elettronici non potranno essere utilizzati all'interno del vessel. Per superare questo problema un prototipo di Laser In Vessel Viewing and Ranging System (IVVS) è stato sviluppato nell'ambito del progetto internazionale ITER. Esso è basato su un laser radar modulato in ampiezza (500MHz), in grado di fornire simultaneamente immagini in intensità e range con elevata accuratezza (0.5mm a 10m di distanza e tempi di integrazione di 1ms per pixel) e sarà usato in ITER nelle seguenti condizioni operative: pressione in UHV 10-3 Pascal, temperatura 120-240 gradi centigradi, flusso gamma 5KGy/h, dose gamma di radiazione totale 10MGy, flusso neutronico 5*1013neutroni/cm2 , campo magnetico fino a 8 T. Benchè sviluppato per i reattori a fusione nucleare, il suddetto sistema può trovare applicazione anche per la visione e diagnostica dei componenti attivati dei reattori a fissione, in celle calde ed in generale in tutti gli ambienti con elevati flussi e dosi di radiazioni ionizzanti.

Fig 2. Modulo passivo

Fig 3. Vista dall'alto del sistema ITER IVVS (6 probe)

Fig. 4. la vista laterale del port di ingresso del sistema ITER I



Nessun commento: