IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

lunedì 31 marzo 2014

RICERCA MEDICA: DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ED APPLICAZIONI CON INNOVATIVI BREVETTI


Del Dott. Giuseppe Cotellessa (ENEA)

Il procedimento del brevetto:


 può essere utile nella lotta contro il cancro quando è applicato alle metodologie dell’analisi dell’immagine.


(ESTRATTO IN LINGUA INGLESE LEGGIBILE IN ALTRE LINGUE CON IL TRADUTTORE DI GOOGLE CROME)

“A Synthesis of the Beauty and Complexity of How We View Cancer”

Author: Larry H. Bernstein, MD, FCAP


This document has covered a broad spectrum of the research, translational biology, diagnostics (both laboratory and imaging methodologies), and treatments for a variety of cancers, mainly by organs, and selectively by the most common cancers seen in human populations. A number of observations stand out on review of all the material presented. 1. The most common cancers affecting humans is spread worldwide, with some variation by region. 2. Cancers within geographic regions may be expressed differently in relationship to population migrations, the incidence of specific environmental pollutants, occurrence of insect transmitted and sexually transmitted diseases (HIV, HCV, HPV), and possibly according to age, or relationship to ultraviolet or high dose radiation exposure. 3. Cancers are expressed within generally recognized age timelines. For example, acute lymphocytic leukemia and neuroblastoma in children under 10 years age; malignant giant cell tumor and osteosarcoma in the third and fourth decade; prostate cancer and breast cancer over age 40, and are more aggressive at an earlier age, both having a strong sex hormone dependence. 4. There is dispute about the effectiveness of screening for cancer with respect to what age, excessive risk in treatment modality, and the duration of progression free survival. Despite the evidence of several years potential life extension, a long term survival of 10 years is not the expected outcome. However, the quality of life in the remaining years is a valid point in favor of progress. 5. There has been a significant reduction in toxicity of treatment, but attention has been focused on a patient-centric decision process. 6. There has been a dramatic improvement in surgical approaches, post-surgical surveillance, and in diagnosis by invasive and noninvasive methods, especially in the combination of needle biopsy and imaging techniques. 7. There is significant variation within cancer cell types with respect to disease-free survival.
The work presented has several main components: First, there is the biology and mechanisms involved in carcinogenesis related to (1) mutations; (2) carcinogenesis; (3) cell regulatory mechanisms; (4) cell signaling pathways; (5) apoptosis (6) ubitination (7) mitochondrial dysfunction; (8) cell-cell interactions; (9) cell migration; (10) metastasis. Then there are large portions covering (1) imaging; (2) specific targeted therapy; (3) nanotechology-based therapy; (4) specific organ-type cancers; (5) genomics-based testing; (6) circulating cancer cells; (7) miRNAs; (8) siRNAs; (9) cancer immunology and (10) immunotherapy.
Classically, we refer to cancer development in terms of the germ cell layers – ectoderm, mesoderm, and endoderm. These are formative in embryonic development. The most active development occurs during embryonic development, with a high growth rate of cells and also a high utilization of energy. The cells utilize oxidation for energy in this period characterized by movement of cells in differentiation and organogenesis. This was observed to be unlike the cell metabolism in carcinogenesis, which is characterized by impaired mitochondrial function and reliance on lactate production for energy – termed anaerobic glycolysis, as investigated by Meyerhof, Embden, Warburg, Szent-Gyorgy, H. Krebs, Theorell, AV Hill, B Chance, P Mitchell, P Boyer, F Lippman, and others.
In addition, the body economy has been divided into two major metabolic compartments: fat and lean body mass (LBM), which is further denoted as visceral and structural. This denotes the gut, kidneys, liver, lung, pancreas, sexual organs, endocrines, brain and fat cells in one compartment, and skeletal muscle, bone and cardiovascular in another. LBM is calculated as fat free mass. Further, brown fat is distinguished from white fat. But this was a first layer of construction of the human body. One peels away this layer to find a second layer. For example, the gut viscera have an inner (outer) epithelial layer, a muscularis, and a deep epithelium, which has circulation and fat. There is also an interstitium between the gut epithelium and muscularis. The lung has an epithelium exposed to the airspaces, then capillaries, and then epithelium, designed for exchange of O2 and CO2, the source of heat generation. The pancreas has an endocrine portion in the islets that are embedded in an exocrine secretory organ. The sexual organs have a combination of glandular structures embedded in a mesothelium.
The structural compartment is entirely accounted for by the force of contraction. If this is purely anatomical, that is not really the case when one goes into the functioning substructures of these tissues – cytoplasm, endoplasmic reticulum (ribosomal), mitochondria, liposomes, chromatin apparatus, cell membrane and vesicles. Within and between these structures are the working and interacting mechanisms of the cell in its unique role. What ties these together was first thought to be found in the dogma following the discovery of the genetic code in 1953 that begat DNA to RNA to protein.
This led to many other discoveries that made it clear that it was only a first approximation. It did not account for noncoding DNA, which became unmasked with the culmination of the Human Genome Project and concurrent advances in genomics (mtDNA, mtRNA, siRNA, exosomes, proteomics, synthetic biology, predictive analytics, and regulatory pathways directed by signaling molecules. Here is a list of signaling pathways: 1. JAK-STAT 2. GPCR 3. Endocrine 4. Cytochemical 5. RTK 6. P13K 7. NF-KB 8. MAPK 9. Ubiquitin 10. TGF-beta 11. Stem cell These signaling pathways have become the basis for the discovery of inhibitors of signaling pathways (suppressors), as well as activators, as these have been considered as specific targets for selective therapy. (.See Figure below) Of course, extensive examination of these pathways has required that all such findings are validated based on the STRENGTH of their effect on the target and in the impact of suppression.






venerdì 28 marzo 2014

I MISTERI DELLA NUBE DI OORT


Secondo gli astronomi, un agglomerato nubiforme, composto forse da miliardi di corpi celesti di varia grandezza,  circonda il Sistema Solare. Ad ipotizzare la sua esistenza fu l'astronomo olandese Jan Oort nel 1950, il quale ipotizzò che le comete provengano proprio da questa nube.

La “Nube-di-Oort”:


 è un’ipotetica, probabile nube di detriti posta tra 20 mila e 100 mila Unità Astronomiche (0,3 e 1,5 anni luce) dal Sole, cioè circa 2400 volte la distanza tra il Sole ed il planetoide Plutone.
La maggioranza degli astronomi è convinta della sua esistenza, anche se la nube non è mai stata osservata perché troppo lontana e buia perfino per i telescopi moderni.

Si ritiene che sia il luogo da cui provengono le comete di lungo periodo, come la Hale-Bopp e la Hyakutake, mentre la più famosa cometa 1P/Halley (di corto periodo) proviene dalla fascia di Kuiper che è una nube di piccoli oggetti che stazionano oltre l’orbita di Nettuno.

I ricercatori pensano che la nube di Oort si sia formata agli albori del Sistema Solare, dai detriti dei dischi proto-planetari che non si sono “aggregati”. Se così fosse, questa enigmatica struttura potrebbe contenere indizi preziosi per comprendere a pieno la formazione del Sistema Solare.
In realtà, il primo a teorizzare qualcosa di simile fu Ernst Öpik, un astronomo Estone, che nel 1932 avanzò l’ipotesi che le comete avessero origine da una nube situata al bordo esterno del sistema Solare, ben oltre la fascia di Kuiper e ben oltre Plutone.

Successivamente, nel 1950 l’idea fu ripresa dall’astronomo olandese Jan Oort, al fine di spiegare un’apparente incongruenza: le comete vengono periodicamente distrutte dopo numerosi passaggi nel sistema solare interno, perciò se le comete si fossero originate all’inizio del sistema oggi sarebbero tutte distrutte.
Invece, il fatto che esse esistano ancora implica che abbiano un’origine differente. Secondo la teoria dello scienziato olandese, la Nube di Oort conterebbe miliardi di nuclei di comete, i quali si troverebbero in condizioni stabili dato che la radiazione solare è troppo debole per avere un effetto a tale distanza.
La nube fornirebbe una provvista continua di nuove comete, che rimpiazzerebbero quelle distrutte. La teoria sembra essere stata confermata dalle osservazioni successive, le quali mostrano come le comete provengano da ogni direzione, con simmetria sferica.

A fornire l’energia necessaria a mettere le comete in moto sarebbero fenomeni cosmici di varia natura che perturbano l’equilibrio gravitazionale della nube. Le comete, fuoriuscite dalla nube, cominciano la loro marcia solitaria attratte dalla gravità solare, descrivendo molto spesso orbite fortemente ellittiche.
Una controversa teoria ipotizza che a perturbare lo stato delle comete nella Nube di Oort sia un’ipotetica stella compagna del Sole chiamata “Nemesis”.  Comunque, gli astronomi pensano che anche le altre stelle abbiano una nube di Oort e che i bordi esterni delle nubi di due stelle vicine possano a volte sovrapporsi, causando un’occasionale “intrusione” cometaria.

“Si sa molto poco circa la Nube di Oort, quanti oggetti vi siano in essa, quali siano le sue dimensioni e come si sia formata”, spiega a Universe Today David Rabinowitz, astrofisico presso l’Università di Yale, il quale in uno studio comparso su ArXiv prende in esame l’oggetto celeste denominato 2010 WG9, che presumibilmente proviene proprio dalla Nube di Oort. “Studiando le proprietà dettagliate di un componente appena arrivato dalla nube, forse possiamo conoscere i suoi costituenti”.

A Jan Oort non si deve solo la teoria della Nube di Oort. Egli è stato il primo astronomo a stimare che la distanza tra il Sole e il centro della Via Lattea sia di circa 30 mila anni luce. Egli è stato anche il primo scienziato ad ipotizzare l’esistenza di un buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea…


Grazie a:


martedì 25 marzo 2014

UN ANTICO TESTO EBRAICO POTREBBE RIVELARE I LUOGHI IN CUI E’ NASCOSTO IL TESORO DI RE SALOMONE



Un testo ebraico contenuto in un antico rotolo recentemente tradotto, contiene informazioni criptiche sul luogo dove sarebbero nascosti i tesori del tempio di re Salomone e quindi anche la famosa Arca dell'Alleanza.  A mio parere è probabile che la cronaca narrata in questo scritto, possa parlare soltanto di una parte del famoso tesoro di Re Salomone, il quale quasi certamente ha subito una “diaspora” come il suo popolo di appartenenza. L’Arca dell’Alleanza, o ciò che ne resta è probabilmente ubicata in un luogo segreto del Corno d’Africa e sicuramente lontano dal resto del tesoro.  Tuttavia, la posizione esatta del restante magnifico tesoro,  non viene rivelata e, secondo il testo, “non verrà rivelata fino al giorno della venuta del Messia figlio di Davide”.


Secondo l’Antico Testamento bibblico, Salomone fu il terzo re di Israele. Figlio di re Davide, e divenne famoso per la sua saggezza, la dimensione del suo harem e lo splendore del suo regno. A Salomone si deve la costruzione del grande tempio di Gerusalemme, chiamato anche Primo Tempio, il quale fu saccheggiato e incendiato da re babilonese Nabucodonosor II nel 6° secolo a.C. In esso vi era contenuta l’Arca dell’Alleanza, un favoloso scrigno dalle misteriose proprietà dove erano contenute le tavole della Legge ricevute da Mosè direttamente dalle mani del Dio di Israele. In più parti del libro dell’Esodo, si legge che Mosè comunicava con Dio attraverso l’Arca dell’Alleanza, come se la stessa fosse una sorta di dispositivo radio (?) di comunicazione. Inoltre, chi toccava l’Arca senza le dovute precauzioni,  poteva restare forgorato istantaneamente. Molte delle vittorie militari di Israele, durante la campagna per la conquista della Terra Promessa, sono state ottenuto grazie all’utilizzo dell’Arca dell’Alleanza.

Durante il suo governo, Re Salomone, accumulò grandi fortune derivanti dalle attività estrattive minerarie e dal commercio. Gli archeologi e i cacciatori di tesori hanno cercato il tesoro di re Salomone ma, forse, i primi a trovare veramente qualcosa furono i Cavalieri Templari, i quali successivamente alle loro campagne in Terra Santa, divennero potentissimi e ricchissimi.

Ora, un nuovo indizio sull’esistenza del favoloso tesoro arriva da un vecchio testo, noto come il Massekhet Kelim (Trattato delle navi), contenuto in un libro ebraico scritto nel 1648, pubblicato ad Amsterdam e conosciuto come Emek Halchah. Il testo è stato da poco tradotto da James Davila, biblista e professore di ebraico antico presso l’Università di St. Andrews (UK). Secondo lo scritto, i tesori furono prima custoditi da un gruppo di leviti e profeti e poi nascosti in vari punti del territorio di Israele e Babilonia, mentre un’altra parte fu consegnata direttamente nelle mani degli “angeli Shamshiel, Michele, Gabriele e forse Sariel”. Come riporta il sito livescience.com, Davila ritiene che l’autore del testo originale abbia attinto da diverse fonti  tradizionali  della scrittura ebraica, dalle quali però si possono incrociare i dati ricavati dalla traduzione dell’antico “Trattato delle navi”.



Il traduttore ha infatti notato la somiglianza tra ciò che è scritto nel Massekhet Kelim con quanto riportato sul “Rotolo di Rame” (Frammento 3Q15),  un rotolo metallico risalente al 50-100 d.c. trovato nel 1952 a Qumran, nei pressi del Mar Morto, Cisgiordania, e oggi conservato presso il Museo archeologico di Amman. Anche nel Rotolo di Rame troviamo un elenco di tesori in oro e argento. Il Trattato delle Navi riporta che i tesori del Tempio di Salomone, prima di essere nascosti, furono catalogati e registrati su una tavoletta metallica, proprio come nel “Rotolo di Rame”. Il Trattato in questione, tra le altre cose narra come il favoloso tesoro nascosto comprendesse anche “settantasette tavole d’oro, prodotte con l’oro delle mura del Giardino dell’Eden, il quale si irradia come lo splendore del sole e della luna”.
E’ possibile quindi che il Rotolo di Rame e il Trattato sulle Navi facciano riferimento allo stesso tesoro? Si tratta di registrazioni accurate di qualcosa di realmente esistente, oppure è solo un  racconto di fantasia?

Grazie a:

http://www.ilnavigatorecurioso.it/2014/03/25/la-traduzione-di-un-vecchio-testo-ebraico-potrebbe-rivelare-la-posizione-dellarca-dellalleanza/

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA STORIA EVOLUTIVA DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA
DI MARCO LA ROSA
E' UN'EDIZIONE OMPHILABS
ACQUISTABILE DIRETTAMENTE DAL SITO OMPHILABS ED IN LIBRERIA

http://www.omphilabs.it/prod/L-UOMO-KOSMICO.htm

giovedì 20 marzo 2014

"DILLO PURE CHE SEI OFFESO"


RIFLESSIONE:

Viviamo quotidianamente una vita frenetica basata sull’espletamento di molti doveri verso le persone che ci circondano. Siamo ruote di un grande meccanismo che non si ferma mai anche quando molte ruote mancano o girano al contrario. Teniamo in movimento un orologio finto che non può segnare mai l’ora giusta eppure… seguitiamo a fare finta di nulla ci adeguiamo per pigrizia, menefreghismo, viltà, tornaconto…

Le parole sono solo retorica e le ripetiamo senza conoscerne il reale significato, viviamo ipnoticamente compiendo gli stessi gesti tutti i giorni… nulla sembra scuoterci e risvegliarci…

Mi chiedo spesso cosa possa veramente far cambiare le cose. In realtà conosco bene la risposta… poi mi guardo intorno e mi domando anche: quanti avrebbero il coraggio di farlo ed arrivare fino in fondo?

… vi lascio con il testo di una bella canzone specchio di questo tempo.

MLR


Offeso (di: Niccolò Fabi)

Dillo pure che sei offeso
da chi distrugge un entusiasmo
da chi prende a calci un cane
da chi è sazio e ormai si è arreso
da tutta la stupidità
chi si offende tradisce il patto
con l'inutile omertà
rimane senza la protezione
del silenzio, dell'assenso
del "tanto dobbiamo sopravviverci
qui dentro"

Quando vivere diventa un peso
quando nei sondaggi il tuo parere
non è compreso
quando dire amore diventa sottinteso
quando la mattina davanti al sole
non sei più sorpreso

Offeso

Dillo pure che sei offeso
dalle donne che non ridono
dagli uomini che non piangono
dai bambini che non giocano
dai vecchi che non insegnano
se hai qualcosa da dire dillo adesso
non aspettare che ci sia un momento
più conveniente per parlare

Quando vivere diventa un peso
quando nei sondaggi il tuo parere
non è compreso
quando dire amore diventa sottinteso
quando davanti al sole la mattina
non sei più sorpreso
dillo pure che sei

offeso

giovedì 13 marzo 2014

"IL TUMORE E' CURABILE ADESSO !"


Il tumore è curabile: adesso!
e lo era anche primalo è sempre stato.

Tratto dal libro: Il tumore è curabile adessodi Robert O. Young e Matt Traverso, ed. Tecniche Nuove

Situazione odierna (riferita agli Stati Uniti dAmerica ma rende perfettamente lidea di quello che comunque avviene nel resto del mondo altamente industrializzato ndr)
Ecco una fotografia istantanea della situazione odierna. Situazione prossima al punto di non ritorno.

-        1 americano su 3 muore di cancro (National Center for Health Statistics)

-        1 americano su 2 muore di patologie cardiovascolari (National Center for Health Statistics)

-        21 milioni di americani sono diabetici (CDC, Center for Disease Control)

-        43 milioni di americani soffrono di artrite (CDC, Center for Disease Control)

-        1 americano su 5 soffre di malattie autoimmuni (American Autoimmune Related Disease Association)

-        28 milioni di americani sono affetti da osteoporosi (American Academy of Orthepaedic Surgeons)

-        Il 64% della popolazione americana è in sovrappeso (CDC, Center for Disease Control)

-        121 milioni di persone nel mondo soffrono di depressione (OMS)

-        Il cittadino americano medio di 65 anni assume in media 11 medicinali al giorno.

-        Ogni anno 106.000 americani perdono la vita a causa di farmaci prescritti e somministrati in modo appropriato (JAMA, Journal American Medical Association 1994).

Mentre allinizio del secolo scorso le malattie cardiovascolari, diabete e cancro erano responsabili di meno del 10% dei decessi, oggi nel Terzo millennio, le stesse malattie sono responsabili del 95% delle morti.
Si tratta di malattie tutte prevenibili, legate allo stile di vita e alla cattiva alimentazione!
Per completezza di dati si devono aggiungere tutte le morti per cause iatrogene, cioè per errori medici, effetti collaterali di farmaci, operazioni errate, ecc.
I ricercatori Gary Nulle et al. hanno pubblicato lo studio più completo e documentato in questo ambito, dove si afferma che nei soli Stati Uniti le morti  per cause iatrogene sono in tutto 783.936. Evidentemente negli Stati Uniti la principale causa di morte e lesioni è il sistema sanitario stesso(JAMA, marzo 2000, 284, B. Starfield).

Nel 2007 la spesa sanitaria è aumentata del 6,9%.
Nel 2011 il costo delle cure mediche in America ha raggiunto limporto astronomico di 2,7 trilioni di dollari (CNN), cioè 2700 miliardi di dollari.
Entro il 2016 si prevede che tale spesa raggiungerà i 4200 miliardi di dollari, equivalenti al 20% del PIL (The National Coalition of Health Care).
In tutto questo chi gongola sono i soliti noti: le lobbies del farmaco e cioè Big Pharma.
Secondo la rivista Fortune 500, le 10 maggiori case farmaceutiche (Pfizer, Glaxo Smith Kline, Johnson & Johnson, Merck, Novartis, Astra Zeneca, Roche, Bristol M. Squibb, Wyeth,  Abbot Labs), conseguono più profitti di tutte le imprese della classifica (ben 500) messe assieme!
Queste aziende nel 2002 hanno conseguito profitti per ben 35,9 miliardi di dollari: più di quanto abbiano realizzato le altre 490 aziende messe assieme, al netto delle perdite.

Cos’è il cancro?
Il corpo umano è per sua natura alcalino e il cancro è la manifestazione del suo tentativo di mantenere lequilibrio, lomeostasi.
Da questo punto di vista, la malattia è unillusione, altro non è che la manifestazione dello sforzo compiuto dalla Natura, cioè dal corpo per evitare che i suoi tessuti subiscano processi di fermentazione e deterioramento.

Il cancro non è una malattia ma un sintomo!
Il cancro è leffetto provocato dagli acidi e metaboliti che accumulatisi in quantità eccessiva nel sangue, passano ai tessuti, li intossicano e deprimono il sistema immunitario, ostacolando progressivamente il mantenimento del pH alcalino dei fluidi interni.
Gli acidi impediscono ai globuli bianchi di espletare la loro funzione protettiva e depurativa.

Quindi in cancro non è una cellula malata che impazzisce, ma un liquido acido che guasta e danneggia le cellule dei tessuti e degli organi quando lorganismo non elimina adeguatamente gli acidi attraverso le urine, le feci, il sudore e con la respirazione.
La cellula cancerosa è una cellula che ha subito danni in un ambiente iperacido.
Il tumore si forma quando il danno interessa un gruppo di cellule, e si forma nello stesso modo in cui si forma una crosta. La crosta è costituita dallo stesso materiale di cui è costituita la massa tumorale, poiché deriva dal meccanismo di protezione con cui lorganismo incapsula le cellule danneggiate o intossicate dagli acidi in eccesso non eliminati attraverso le vie normali.

Nel 1931 il dottor Otto H. Warburg ricevette il Premio Nobel per la medicina per aver scoperto la causa del cancro. Egli suggerì che il cancro fosse lesito di un ambiente acido, privato di ossigeno, e dimostrò come esso prosperi in condizioni anaerobiche (senza ossigeno) o acide.
Detto in altri termini: a causa del cancro è lacidità del corpo!
Warburg fu lautore di uno studio intitolato: La causa principale e la prevenzione del cancro, nel quale dichiarava: non vi è malattia (cancro) di cui si conosca meglio la causa principale: liperacidità”.
Nel 1966 concluse uno dei suoi discorso più celebri con la seguente dichiarazione: Oggi nessuno può dire che non si conosce la causa principale del cancro. Ormai non si può più addurre lignoranza come scusa per evitare le misure di prevenzione. (discorso tenuto da Otto Warburg ai vincitori dei Premi Nobel il 30 giugno 1966 a Lindau, lago di Costanza).
Più che ignoranza sarebbe più corretto parlare di vera e propria malafede da parte delle industrie del farmaco. Le scoperte di Warburg sono conosciute negli ambienti che contano, ma sono controproducenti per gli enormi interessi economici dietro il cancro. Insegnare la prevenzione non porta guadagno: è molto più utile curare il tumore con farmaci e radiazioni.

Fermentazione degli zuccheri e pleomorfismo
 Il nostro corpo fermenta per colpa degli zuccheri.
A causa di processi fermentativi, le muffe, i lieviti, i batteri altro non sono che evidenze del deterioramento dei tessuti attaccati dallacidità.
Sempre il dottor Otto Warburg non lascia spazio a dubbi: La causa principale dei tumori è che le cellule normali passano dal respirare ossigeno al fermentare zuccheri. Le cellule normali sono aerobi obbligati, le cellule tumorali sono anaerobi parziali.
Il pleomorfismo, cioè la trasformazione biologica di una cellula in unaltra, fu documentata oltre 100 anni fa dal grande medico batteriologo francese Antoine Bechamp.
A seguito dellambiente e della sua acidità le cellule cambiamo e si trasformano. Quindi una microrganismo può trasformarsi da solo da batterio a fungo a lievito a muffa e viceversa.
Quello che controlla e guida tale pleomorfismo è lacidità o alcalinità dellambiente in cui le cellule sono bagnate o immerse.
In ambiente acido, un batterio normale può diventare una muffa pericolosissima per la salute. Mentre in un ambiente alcalino la muffa ritorna ad essere un batterio innocuo.
Per esempio le muffe di lieviti e batteri sono cellule che si adattano a un ambiente acido privo di ossigeno. Questo meraviglioso fenomeno è stato documentato dal medico Antoine Bechamp.

Lacidosi tissutale latente: vera e unica malattia
Lorganismo umano è alcalino nella sua struttura e acido nelle sue funzioni.
Se il sangue non si libera dei veleni attraverso la minzione (urina), la traspirazione (pelle), la respirazione (polmoni) o la defecazione (intestini), il corpo li riversa nei tessuti connettivi. Ecco la malattia.
Se gli acidi non sono eliminati correttamente attraverso i canali escretori appena visti, si accumulano fino a superare la soglia di tolleranza individuale.
A quel punto sopraggiunge la crisi e lorganismo espelle o cerca di espellere il veleno o lacido tramite la pelle (eczema, psoriasi, dermatosi, cancro).
Ma questa NON è la malattia perché la vera malattia è sistemica e non locale: gli acidi e le scorie dellorganismo fluiscono in tutto il corpo.
Tali acidi, trasportati dal sangue e dai liquidi interstiziali, possono depositarsi in qualsiasi parte del corpo creando dei danni.

Se si depositano e concentrano nel cervello si può sviluppare demenza, Alzheimer, Parkinson, confusione mentale, amnesie, ecc. Se per esempio invece si depositano nel tessuto adiposo delle mammelle si possono sviluppare micro-calcificazioni, noduli, cisti e/o tumori.
Uno degli acidi che tendono a concentrarsi maggiormente intorno a qualsiasi forma di tumore è lacido lattico. Questo acido è un derivato del metabolismo degli zuccheri che si forma quando lorganismo è privato di ossigeno.

Il sistema linfatico
Se il corpo non riesce a eliminare correttamente gli acidi li riversa nei tessuti e nel sistema linfatico. Questo è il motivo per cui la linfa assume un ruolo fondamentale nella prevenzione e trattamento del cancro. Si tratta di una specie di aspiratore o aspira tossine che preleva le tossine e gli acidi dai fluidi interstiziali per garantire lintegrità dei tessuti.
A fungere da pompa per il sistema linfatico c’è il movimento corporeo e il muscolo diaframmatico, che muovendosi fa circolare gli acidi e ne provoca leliminazione attraverso la sudorazione o il rientro nel flusso ematico da cui saranno poi eliminare tramite lurina.
Da qui limportanza del movimento corporeo quotidiano e di una corretta e sana respirazione profonda diaframmatica.
Se non pratichiamo attività fisica il sistema linfatico si intasa di scorie acide che non riesce più a eliminare. Equesto il meccanismo alla base dei casi sempre più numerosi di linfoma di Hodgkin e non Hodgkin: i linfonodi si ingrossano e si infiammano perché sono saturi di tossine acide.

Importanza dellenergia vitale
Qualsiasi organo, a seguito di cattive abitudini (stress, preoccupazioni, alimentazione, ansia, pausa, ecc.), manchi di energia può diventare sede della crisi dellacidosi tissutale latente sistemica.

Cosa fare
Unica soluzione contro i liquidi acidi che avvelenano il sangue e le cellule consiste nel modificare lambiente interno ed esterno.

Il medico de futuro non prescriverà medicinali,
ma incoraggerà il paziente a sfruttare nel modo giusto il cibo,
laria fresca e lattività fisica. Thomas Alva Edison

Quindi alcalinizzare ed energizzare il corpo sono le parole chiave: respirazione, alimentazione e movimento.

- Respirazione
Laria inspirata dai polmoni entra nelle arterie e si lega chimicamente ai sali cellulari e ai microenzimi, e attraverso una trasformazione mirabile crea il sangue, che a sua volta, per trasmutazione, crea massa corporea, osso, muscolo, nervi, organi, capelli, unghie
La qualità del sangue è determinata dalla qualità degli alimenti.

- Alimentazione
Gli alimenti introdotti creano e producono il sangue. Assumiamo una media di circa 2 kg e mezzo al giorno di alimenti e bevande: una tonnellata allanno!
In una vita media consumiamo alimenti e bevande per circa 1000 volte il nostro peso corporeo.
Alimenti scadenti, pastorizzati, raffinati, acidificanti, pregni di chimica produrranno un sangue carico di tossine e assolutamente scadente dal punto di vista biologico e biochimico.
Alimenti ricchi di clorofilla, enzimi, vitamine, minerali alcalini, acqua, ormoni e fibra (quindi alimenti vegetali crudi, in particolar modo le verdure a foglia verde) sono il carburante per eccellenza dellorganismo umano.

- Movimento corporeo
Il motivo principale per cui si pratica attività fisica è eliminare acidi dal corpo attraverso i polmoni (respirazione) e la pelle (traspirazione). Questo è il motivo per cui siamo dotati di due polmoni e non un solo, e di oltre 500 pori sudoriferi per centimetro quadrato di pelle.
Lattività fisica mobilizza gli acidi attraverso questi due organi di eliminazione e riduce lacidosi.
Il movimento corporeo migliore è senzaaltro quello allaria aperta: camminata, jogging, ma vanno bene anche il nuoto, lallenamento con pesi e il mini-trampolino elastico (Rebounding). Questo ultimo è un delle tecniche più interessanti, economiche, facili ma potentissime per disintossicarsi e deacidificarsi comodamente in casa.

Tratto dal libro: Il tumore è curabile adessodi Robert O. Young e Matt Traverso, ed. Tecniche Nuove




http://www.disinformazione.it/tumore_curabile.htm

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA STORIA EVOLUTIVA DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA
DI MARCO LA ROSA
E' UN'EDIZIONE OMPHILABS
ACQUISTABILE DIRETTAMENTE DAL SITO OMPHILABS ED IN LIBRERIA

http://www.omphilabs.it/prod/L-UOMO-KOSMICO.htm



lunedì 10 marzo 2014

L'UNIVERSO È VIVO



di: Marco La Rosa

 Isaac Asimov (biochimico-scrittore):

…”possiamo metterla in questo modo: la prima legge della termodinamica stabilisce che il contenuto in energia dell’universo è costante. La seconda legge della termodinamica stabilisce che il contenuto di entropia dell’universo aumenta. Se la prima legge della termodinamica sembra implicare che l’universo è immortale, la seconda legge mostra che questa immortalità è, in un certo modo, priva di valore. L’energia sarà sempre lì, ma non sarà sempre capace di produrre cambiamenti, moto e lavoro. Un giorno l’entropia dell’universo raggiungerà un massimo e tutta l’energia sarà livellata. Allora, benché tutta l’energia sia ancora presente, non saranno possibili variazioni, moto,lavoro, vita ed intelligenza. L’universo esisterà ancora ma solo come una statua congelata. Il film avrà cessato di girare e staremo guardando per sempre un fotogramma fisso”.

…”talvolta il processo dell’aumento di entropia viene descritto immaginando l’universo come un orologio enorme ed indescrivibilmente complicato che sta lentamente rallentando. Ebbene gli esseri umani posseggono orologi che possono rallentare, e spesso lo fanno, ma possono sempre ricaricarli. Non potrebbe esservi un processo analogo anche per l’universo? In effetti, non dobbiamo immaginare che una diminuzione di entropia avvenga solo attraverso azioni deliberate di esseri umani. La vita stessa, a prescindere completamente dall’intelligenza umana, sembra sfidare la seconda legge della termodinamica. Gli individui muoiono, ma nuovi ne nascono e la gioventù è sempre comunque in maggioranza. La vegetazione muore d’inverno ma cresce nuovamente in primavera. La vita si è mantenuta sulla terra per più di tre miliardi di anni e non mostra alcun segno di volersi estinguere; in effetti , sembra voglia arricchirsi, poiché in  tutta la sua storia sulla terra la vita è diventata più complessa sia nel caso dei singoli organismi sia nelle rete ecologica che li avvolge insieme. La storia dell’evoluzione biologica rappresenta una vasta diminuzione di entropia. A causa di ciò, si è cercato di definire la vita come un meccanismo per la diminuzione dell’entropia. Se ciò fosse vero, allora l’universo non andrebbe mai incontro alla cosiddetta “morte termica”, in quanto dovunque la vita eserciti la sua influenza essa agirà automaticamente per diminuire l’entropia”.

L'evoluzione cosmica procede quindi  per progressivi aumenti del disordine ma, in tutto questo caos, localmente si formano “campi” che violano la seconda legge della termodinamica permettendo lo sviluppo di strutture altamente organizzate ed ordinate come quelle biologiche, senza violare la legge generale. Si può dire che la costruzione dell’ ordine locale viene fatta a spese dell' "ordine esterno" e quindi l'entropia generale (disordine) del sistema aumenta, mentre quella locale (ad esempio la vita sulla Terra) diminuisce tendendo all’ordine. Pertanto l'aumento dell’ ordine che si vede nel nostro mondo è ottenuto sfruttando l'energia che riceviamo dal Sole in forma di fotoni ordinati (energia cinetica) che, dopo l'uso, sono ri-emessi come radiazione infrarossa, cioè calore che è una forma  più "disordinata" di quella cinetica dei fotoni incidenti. La seconda legge (forse),  ha valenza universale e domina  il comportamento della materia, ma proprio l'evoluzione termodinamica permette alla materia di strutturarsi in forme altamente organizzate (e quindi altamente ordinate) come appunto quelle che danno origine alla vita cosciente.  
Il premio Nobel per la chimica (1977) Ilya Prigogine fu uno strenuo sostenitore della teoria che il cosmo si evolve verso un progressivo aumento della complessità e dell’ordine. La vita, secondo  lo scienziato russo, non è nata per caso, non è una fatalità; al contrario, è conseguenza di una logica immanente all’universo, organizzato in modo da generare forme di vita sempre più complesse e organizzate. Il cosmo ha ospitato i gas primordiali, poi le prime particelle viventi, le forme di vita inferiori, gli animali e infine la vita intelligente e cosciente.
Quindi siamo in presenza di  una logica,  di una legge superiore che organizza ed amministra l’universo. Qualcosa di  più forte del caso che sarebbe alla base delle mutazioni che consentono l’evoluzione. È la legge cosmica fondamentale che non possiamo dimostrare, ma di cui l’uomo ha intuizione fin dall’antichità e che ha chiamato Logos (i Greci), Hokmà (gli Ebrei), Maat (gli Egiziani), Dhamma (gli Indù), Tao (i Cinesi), Shinto (i Giapponesi). Un ordine universale che procede lungo la linea del tempo e arriva  all’uomo. In questo senso, filosofia greca e sapienza orientale sono in perfetto accordo: Lao-Tzu guarda al Tao per dare un ordine alla vicenda umana, e Platone, nelle Leggi, scrive: “Anche quel piccolo frammento che tu rappresenti, o uomo meschino, ha sempre il suo intimo rapporto con il cosmo… Non per te infatti questa vita si svolge, ma tu, piuttosto, vieni generato per la vita cosmica”.

<< La Vita consapevole , è la Scienza più potente e perfetta dell’Universo, non Ha nulla di casuale, fin dall’inizio. >>. (Marco La Rosa).



FONT I E CITAZIONI:

“Catastrofi a scelta” – Isaac Asimov – AME 1979

estropico.com/id268.htm

“fili d’aquilone n. 20” – filidaquilone.it

“L’altra Genesi” – Marco La Rosa - 2012

  

venerdì 7 marzo 2014

OLOCAUSTO NORD COREANO


del Dott. MIGUEL LUNETTA

João Pessoa-PB-Brasil

3 MARZO 2014

RIASSUNTO
Inseriamo in questo articolo qualche notizia tra le più dirompenti della stampa Internazionale sulle atrocità commesse dal regime dittatoriale di Kim Jong -un nella Corea del Nord. Ci sono notizie di sterminio, assassinio, schiavitù, tortura, persecuzione e stupro.
Si calcola che centinaia di migliaia di prigionieri politici sono morti nei campi di lavoro e segregazione negli ultimi 50 anni, eliminati gradualmente per fame, lavori forzati, esecuzioni, tortura, violazioni e ricusa del diritto di procreazione mediante castigo, aborto forzato e infanticidio.

IMMAGINI SATELLITARI COMPARATIVE 1996-2001. LA COREA DEL NORD E' UN PAESE CHE NON SI PUO' PERMETTERE L'ILLUMINAZIONE ELETTRICA MA HA UN MILIONE DI SOLDATI E ARMAMENTI DI OGNI GENERE, COMPRESA LA BOMBA ATOMICA.


SEGUONO LE NOTIZIE RIPRESE DALLA STAMPA IN LINGUA PORTOGHESE , INGLESE E CON LA CONCLUSIONE IN ITALIANO.

BUONA LETTURA

La seguente parte è in lingua portoghese:

1.   EL PAIS: O DANO NA COREIA DO NORTE É QUASE COMO O DO HOLOCAUSTO(1)

O investigador especial da ONU sobre os direitos humanos na Coreia do Norte e coautor do recente relatório em que foram documentados crimes contra a humanidade, jamais pode entrar no país desde que assumiu o cargo.Marzuki Darusman (Yakarta, Indonésia, 1945) no entanto conheceu Pyongyang há 15 anos quando era parlamentar. “Estava muito limpo. Era como uma clínica”, lembra ele, de Genebra, em uma entrevista por telefone.
Pergunta. As atrocidades do regime dos Kim eram conhecidas, mas agora a ONU os acusa de piores crimes.
Resposta. Agora temos uma imagem completa do que ocorre. Antes disso, tínhamos uma imagem fragmentada. Este relatório reúne tudo: os depoimentos, os especialistas e informações de outros relatórios. É uma imagem completa de um sistema totalitário sem par no século XXI.
P. Como a comunidade internacional deve responder?
R. Deve seguir com a investigação para processar os principais responsáveis por esses crimes contra a humanidade, que se perpetraram, se perpetram e seguirão sendo perpetrados no futuro próximo. Sugerimos que o caso seja encaminhado à Corte Penal Internacional. Embora os crimes anteriores a 2002 [data de entrada em vigor do Estatuto de Roma] não possam ser julgados, isso representaria um início. Além disso, os casos de sequestro e de desaparecimento forçados não prescrevem e podem ser pesquisados até a localização da vítima.
P. Mas é provável que China, o maior grande aliado de Pyongyang, exerça seu direito de veto no Conselho de Segurança. Que ocorrerá então?
R. A China disse o encaminhado à Corte Penal Internacional não ajudará. Mas ainda fica um mês [para apresentar à Comisión de Derechos Humanos de la ONU]. A expectativa é de que Pequim vete, mas seria uma agradável surpresa se não bloqueasse isso.
P. O senhor acha que a ONU não espera mudanças imediatas enquanto sejam cometidos crimes brutais. A única saída dos norte´coreanos é fugir para a China e evitar uma expatriação?

R. Sim. Por isso mencionamos pela primeira vez a China em um relatório e instamos o país a respeitar o princípio de não repatriação para a Coreia do Norte. Hoje, a China não considera os norte-coreanos solicitantes de asilo, mas refugiados econômicos. Tratam o assunto como um caso de imigração.
P. Por que decidiram fazer audiências públicas?
R. Era essencial que fossem públicas. São histórias pavorosas, inimagináveis em termos da capacidade do ser humano e ainda infligem dano aos outros. É quase como o Holocausto. É incrível!
Ninguém pode aceitar essas violações. Este relatório nasce de histórias contadas por pessoas que viveram isso e que ficaram traumatizadas. Elas foram muito valentes de sair, de dar a cara, identificar-se e dar seus depoimentos. Também recolhemos muitíssimos depoimentos de maneira confidencial, depoimentos de gente que não queria se arriscar a represálias. Em termos da lei internacional são crimes contra a humanidade que duram muito tempo e que devem ser punidos. Não é um assunto nacional.
P. E se a comunidade internacional tomar uma atitude?
R. Estamos no auge dos esforços dos últimos dez anos. Os norte-coreanos tomaram uma hábil e bem sucedida estratégia de negar tudo porque a informação estava fragmentada. Era mais um assunto político que levava a conflitos bilaterais, com o Japão, Coreia do Sul e Estados Unidos. Nunca foi um problema da comunidade internacional. Este relatório é um compêndio de todas as provas existentes. Essa é a primeira diferença: sair da via política e entrar na via judicial. Pode ser que isso não ocorra cedo. Mas é um início. Se o relatório for aceito no Conselho e aprovado por meio de uma resolução entraremos em uma nova fase em que a comunidade internacional atuará unida.

2. ESTADO DE S.PAULO: ONU ADVERTE DITADOR NORTE-COREANO QUE ELE PODE SER JULGADO POR CRIMES CONTRA A HUMANIDADE(2)

Governo rejeita acusações e acusa comissão de ser marionete de EUA, Japão e EU.
Submeter a população ao extermínio, fome e escravidão são alguns dos pontos apresentados em relatório sobre violações de direitos humanos.
GENEBRA-Há testemunhas de desertores que contaram de uma mulher forçada a afogar o próprio bebê, criança presas e privadas de comida desde o nascimento, famílias inteira torturadas pelo crime de assistir a uma telenovela estrangeira. E entre comparações com o homem dos campos de concentração nazistas, uma comissão independente do Comitê dos Direitos Humanos das Nações Unidas acusou na segunda-feira a Coreia do Norte de cometer “atrocidades indescritíveis” contra seus cidadãos.
Num longo relatório sobre crimes contra a Humanidade no país comunista, a ONU não só descreveu uma realidade de tortura e privação, onde há “uma quase total negação dos direitos de liberdade, consciência e religião”, como exigiu que os responsáveis-incluindo o ditador Kim Jong Un-respondam ao Tribunal Penal Internacional em Haia, na Holanda.
Os investigadores da ONU são juristas da Austrália, Indonésia e Sérvia que trabalham no documento desde maio de 2013. Impedidos de entrar na Coreia do Norte, eles coletaram milhões de depoimentos de refugiados e dissidentes que conseguiram deixar o país. Mas o regime de Pyongyang rebateu todas as acusações, afirmando que o relatório foi feito a partir de material falso fornecido por “forças hostis” apoiadas por Estados Unidos, Japão e União Europeia. Num comunicado de duas páginas, a delegação norte-coreana chamou a comissão de “marionete” política.

“Trata-se do instrumento de um complô político para sabotar o sistema socialista e difamar o país. A república da Coreia do Norte deixa claro mais uma vez que essas “violações dos direitos humanos” mencionadas no tal informe não existem em nosso país”, diz o texto.

COMPARAÇÃO COM O NAZISMO

As denúncias são graves. Do uso da fome deliberada à tortura em campos de prisioneiros que abrigariam de 80 mil a 120 mil pessoas, há relações de sequestros perpetrados pelo Estado, execuções públicas e doutrinação para “aterrorizar a população e mantê-la submissa”. Segundo o presidente da comissão, o australiano Michael Kirby, ainda que a Coreia do Norte não tenha cooperado com a investigação, uma cópia das conclusões foi enviada a Pyongyang de antemão, com uma carta alertando o líder norte-coreano de que ele poderia ser pessoalmente acusado pelos abusos- e denunciado à Justiça Internacional. A comissão denuncia uma “resposta internacional inadequada” diante dos crimes e pede que a comunidade internacional aceite a responsabilidade de proteger o povo da Coreia do Norte”.
- Espero que a comunidade internacional seja tocada pelos detalhes. Ao fim da Segunda Guerra Mundial, muitas pessoas diziam”ah, se nós soubéssemos das coisas erradas feitas nos países das forças hostis...” Bem, a comunidade internacional sabe agora. Não há desculpas da falta de ação porque não sabíamos. Esta é uma hora de ação-cobrou Kirby.
Em 372 páginas os investigadores chegaram perto de usar a palavra genocídio- mas não o fizeram. Há relatos de extermínio, assassinato, escravidão tortura, perseguição e estupros de acordo com raça, gênero e religião. E o estudo calcula que “centenas de milhares” de presos políticos morreram nos campos durante os 50 últimos anos, eliminados gradualmente pela fome deliberada, trabalho forçado, execuções, tortura, violações e rejeição dos direitos de reprodução por castigos, abortos forçados e infanticídios.
“Estes são meros excessos do Estado; são componentes essenciais de um sistema político que se moveu dos ideais que alegam, baseiam sua fundação”, afirma o relatório, respaldado por reprodução das técnicas de tortura empregadas pelo regime comunista.
Em outro trecho, a ONU expressa preocupação com a situação alimentar.
“O estado tem usado comida como um meio de controle da população e deliberadamente bloqueia ajuda por razões ideológicas, causando a morte de centenas de milhares de pessoa”.
A comissão da ONU só vai apresentar as conclusões oficialmente no mês que vem, quando o Conselho de Direitos Humanos vai anunciar suas recomendações. Mas as informações preliminares já causaram reações. Os EUA afirmaram que o relatório mostra “clara e inequivocamente a brutal realidade” dos abusos aos direitos humanos na Coreia do Norte. A porta-voz adjunta do Departamento de Estado, Marie Harf, destacou que Washington apoia o relatório e pediu que Pyongyang adote “medidas concretas” para melhorar a situação. A Coreia do Sul também comemorou o documento, dizendo esperar que os relatos de horror “façam despertar a consciência da comunidade internacional”. Por outro lado, a China, único aliado de Pyongyang, expressou desconforto: “Isso não ajuda a resolver a situação dos direitos humanos”, afirmou a Chancelaria chinesa em nota.

In lingua inglese:

3.(CNN)-‘ABUNDANT EVIDENCE’ OF CRIMES AGAINST HUMANITY IN NORTH KOREA,PANEL SAYS(3)

A stunning catalog of torture and the widespread abuse of even the weakest of North Koreans reveal a portrait of a brutal state “that does not have any parallel in the contemporary world”, a United Nations panel reported Monday. North Korean leaders employ murder, torture, slavery, sexual violence, mass starvation and other abuses as tool to prop up the state and terrorize “the population into submission”, the United Nations Commission of Inquiry on Human Rights (COI) in North Korea said in its report.
The commission said it would refer its findings to the  International Criminal Court (ICC) for possible prosecution. It also sent a letter warning North Korean leader Kim Jong Un that he could face prosecution for crimes against humanity, and said other options include establishing of an ad hoc tribunal by the United Nations. Even before the report’s release, China, a permanent member of the U.N. Security Council and staunch ally of North Korea, has said it would not allow human rights charges to proceed to the ICC.
The almost  yearlong investigation traced the abuses directly to the highest level of the North Korean government while simultaneously blaming world leaders for setting and their amid untold agony. The U.N. panel released its 400- pages report after hearing from more than 320 witnesses in public hearing and private interviews. North Korea is a state, it concluded, “that not content itself with ensuring the authoritarian rule of a small group of people, but seeks to dominate every aspect of its citizens” lives and terrorize them from within.”
The suffering and tears of the people of North Korea demand action, “commission Chairman Michael Kirby told reporters. The government of North Korea-also known as the Democratic People’s Republic of Korea, or DPRK-rejected the report as a ginned-up effort to undermine its government.
“It is nothing more than an instrument of political plot aimed at sabotaging the socialist system by defaming the dignified images of the DPRK and creating an atmosphere of international pressure under the pretext of “human rights protection”, the government said in a prepared statement. North Korea did not respond to requests for access to the country and information about its human rights practices, according to the commission.
China had previously stated it would not approve human rights charges on North Korea to go to the International Criminal Court. On Monday, prior to the report’s release, a Chinese Ministry of Foreign Affairs Spokeswoman Hua Chunying said,”Submitting human rights issues to the International Court of Justice won’t help improve a country’s human rights condition.” She maintained that China advocates “constructive dialogue and cooperation to resolve differences on human rights issues.”
The commission of inquiry sough access to parts of China that border North Korea during the 11-month investigation, but was denied. The commission also requested a visit to Beijing to meet relevant officials and experts on North Korea issues-a request that was also denied by China with the reasoning that based on its “position on country-specific mandate, especially on the Korean peninsula, it would not be possible to extend an invitation to the Commission,” according to the report.
In the report, the commission recommended that China abstain from forcibly repatriating North Korean who’ve escaped their country, due to the punishment they face once they are returned.
Meanwhile, the U.S. State Department expressed support for the UN report and urged North Korea “to take concrete steps-as recommended by the [Commission of Inquiry]-to improve rights situation for the North Korean people.” Since the crimes were perpetrated by state actors, only an international tribunal can properly carry out criminal investigations aimed at holding perpetrators accountable, “said Kenneth Roth, executive director at Human Rights Watch.
During the compilation of the report one witness, a survivor of a North Korean prison camp, told the commission of seeing a guard beat a nearly starving woman who had recently given birth, then force the woman to drown her baby.
Others told of being imprisoned for watching soap operas, trying to find food for their families, traveling without permission or having family members considered suspect by the government.
“Because we saw so many people die, we became so used to it,” one prison camp survivor told the commission. “I am sorry to say that we became so used to it that we didn’t feel anything.”
Kirby that he hoped the report would galvanize the world to act. “We cannot say we didn’t know,” he said.  “We now do know.”

In lingua portoghese:

4.PCP VOTA CONTRA CONDENAÇÃO DE CRIMES DO REGIME DA CORÉIA DO NORTE(4)

Discussão da deliberação no plenário da Assembleia da República de Portugal motivou críticas entre os partidos. PCP ficou esta sexta-feira isolado no voto contra uma deliberação do PSD, PS e CDS-PP a condenar os “crimes contra a humanidade perpetrados pelo regime da Coréia do Norte”, que mereceu voto favorável das restantes bancadas.
O voto de condenação refere um relatório apresentado pela ONU na semana passada “onde acusa o regime norte-coreano de cometer violações sistemáticas, duradouras e graves dos direitos humanos”. Entre estas práticas, o relatório destaca as execuções públicas, violações, torturas e outras atrocidades apelidadas de ‘indizíveis’ que têm vindo a ser perpetradas, destacam os partidos, no voto.
Com base em “testemunhas e relatos de sobreviventes e dissidentes norte-coreanos”, o relatório da ONU demonstra que a “atuação da Coreia do Norte constitui evidentemente uma ameaça séria à paz nos limites das suas próprias fronteiras, como representa ameaça à segurança regional e internacional”, refere o voto.
A deliberação propõe que a Assembleia da República se associe à Organização das Nações Unidas na “condenação dos crimes cometidos pelo regime norte-coreano contra o seu próprio povo e lamenta as vidas perdidas às mãos de um regime autocrático e repressivo”.
Todas as bancadas aprovaram o voto, à exceção da bancada do PCP, que votou contra. Numa declaração de voto, o grupo parlamentar do PCP justifica que “o relatório ainda não foi apresentado às Nações Unidas, mas já teve a sua credibilidade internacionalmente posta em causa quanto à metodologia e conclusões”. “Trata-se de um relatório elaborado a partir de quatro audições realizadas em Seoul, Tóquio, Londres e Washington, que se insere em campanha de permanente tensão e conflito com vista à desestabilização da península coreana e à justificação da presença militar norte-americana nesta região”, defendeu o PCP.
A bancada comunista frisou que o PCP defende um projecto de “liberdade, democracia, justiça e progresso social, e que é esse projecto que distancia o partido “de opões e orientações da República Democrática da Coreia [do Norte]”. O voto de condenação foi aprovado com os votos favoráveis dos proponentes , OS, PSD, CDS-PP e do BE e PEV, recolhendo os votos contra do PCP.
 O relatório em causa, divulgado no passado dia 17, foi elaborado por uma comissão de inquérito criada em maio 2013 pelo Conselho de Direitos Humanos das Nações Unidas. “A comissão descobriu que as violações sistemáticas, generalizadas e graves dos Direitos Humanos foram e são cometidas pela República Popular Democrática da Coreia [do Norte], e em muitos dos casos, essas violações constituem crime contra a Humanidade”, refere-se no relatório elaborado por três juristas internacionais.
O relatório foi rejeitado pela Coreia do Norte, com o ministério dos Negócios Estrangeiros a considerar que o documento “distorce a imagem real do povo coreano que goza de direitos autênticos e está salpicado de puras mentiras e falsidades”. Numa nota divulgada na semana passada, o ministério dos Negócios Estrangeiros da Coreia do Norte acrescentou que interpreta o documento como “uma provocação por motivos políticos”.

In lingua italiana:

5. CONCLUSIONI
A. L’olocausto nord-coreano appartiene ad un ciclo storico alla rovescia della storia umana sul pianeta Terra. I giudizi, le condanne e i castighi ci riportano all’era dell’Inquisizione e, più in là, al ritorno dell’uomo di Nenderthal, in una tragica storiografia a capitoli invertiti.

B. Come in casi simili, la durata del ciclo vitale e la pena del contrappasso regnano sovrani nella penisola nord coreana, territorio delle Parche e degli avvoltoi umani.

C. Cosí come negli episodi tragici vissuti dal maggiore generale canadense Romeo dell’Aire, che invano chiedeva rinforzi all’ONU, la voce dei sopravvissuti al genocidio,  di oltre un milione di persone, invoca oggi l’aiuto di un’organizzazione mondiale incapace di garantire sicurezza, pace e soccorso agli esseri umani.

D. Si è chiuso il tribunale di Nuremberg, si discutono le vicende belliche nel Tribunale Penale Internazionale dell’Aia, però sulla Terra l’uomo è rimasto nell’era dell’uomo “homini lúpus”, senza diritto ad uscire dallo stato belluino.

E. Dopo il processo al Tribunale Penale Internazionale, al quale il dittatore della Corea del Nord, forse non si presenterà, sarà egli condannato in contumácia. Se si presenterà, o verrá ivi condotto a forza, ci saranno due possibilità: sarà condannato a morte e inforcato come alcuni criminale nazisti, oppure si suiciderà, come fece Göering con la fiala di arsenico nascosta nell’ombelico.
In qualsiasi caso,però, la Corea del Nord esulterà per essere libera dalla demenza del tiranno, decreterà elezioni ed eleggerà un governo democratico.
Dai tumuli, le vittime del mostro sanguinario, esulteranno come cherubini.

NOTAS

1.    Naiara Galarraga Gortázar-EL PAIS internacional, Madri 21 fev 2014-08:12 BRT.
2.    O Estado de S.Paulo-sexta 28 fev 2014 20:45-Editorial
3.    Michael Pearson, Jason Hanna & Madison Park, North Korea’s human rights treatment, feb 18 2014-updated 11:50 GMT
(19,50 HKT).

4.    PCP vota contra condenação de crimes do regime da Coreia do Norte-Lisboa, 28 fev 2014-16:57.

martedì 4 marzo 2014

LA GUERRA CONTRO IL CANCRO


ANCHE LA MEDICINA ONCOLOGICA INIZIA FINALMENTE A FARE IL MEA CULPA.
LA STRADA SARA’ COMUNQUE ANCORA LUNGA, MA UN CAMBIO DI PARADIGMA NELL’ APPROCCIO ALLA CURA DEL CANCRO SEMBRA ORMAI INEVITABILE.
NON CI STANCHEREMO MAI DI RIPETERE CHE IL PROFITTO DELLE MULTINAZIONALI DEL FARMACO RESTA LA  PRIMA PIAGA DA ESTIRPARE.

BUONA LETTURA



 Perchè stiamo perdendo la guerra contro il cancro


D.ssa Patrizia Gentilini, medico oncologo


Nel 1971 il Presidente Nixon firmò il National Cancer Act, un ambizioso progetto con cui si delineava la strategia della  guerra al cancro, guerra che gli Stati Uniti erano decisi a combattere ed ovviamente a vincere. Erano gli anni in cui luomo era arrivato sulla luna , la fiducia nelle potenzialità della scienza era pressochè illimitata e sembrava che con poderosi finanziamenti ogni traguardo potesse essere raggiunto. Erano anche gli anni in cui prendeva corpo lidea che il cancro fosse una malattia “genetica” e che  nascesse da una singola cellula in qualche modo impazzita”.

Si pensava che per un incidente  geneticocasuale  avvenissero una serie di mutazioni a carico del DNA tali da comportare una proliferazione incontrollata ed una sorta di immortalizzazionedelle cellule figlie.
L’idea era quindi che una sorta di selezione darwiniana conferisse vantaggi in termini di sopravvivenza e capacità di metastatizzare alle  cellule figlie via via sempre  più aggressive e maligne rispetto a quelle di origine con un processo irreversibile che portava infine a morte lorganismo ospite.

Il cancro era ritenuto una malattia dell’età adulta in cui, proprio per laumento della speranza di vita, era sempre più probabile che insorgessero mutazioni casuali: in qualche modo il cancro era visto quasi come un  prezzo da pagare al nostro modo di vita ed in definitiva allo sviluppo.
Se l’origine del cancro risiedeva in un danno a carico del DNA era logico quindi pensare di risolvere il problema cercando di svelare tutti i segreti del genoma  e sperimentare terapie che colpissero la cellula nel suo centro vitale, il DNA appunto.

Gli investimenti che furono fatti negli USA ed in seguito anche in altri paesi del mondo occidentale furono a dir poco esorbitanti, ma, come ha scritto nel 2005 in una esemplare lettera aperta un grande oncologo  americano S. Epstein, dopo trenta anni di reclamizzate ed ingannevoli promesse di successi, la triste realtà è infine affiorata: stiamo infatti perdendo la guerra al cancro, in un modo che può essere soltanto descritto come una sconfitta. Lincidenza dei tumori in particolare della mammella, dei testicoli, della tiroide, nonché i mielomi e i linfomi, in particolare nei bambini che non possono essere messi in relazione con il fumo di sigaretta, hanno raggiunto proporzioni epidemiche, ora evidenti in un uomo su due e in oltre una donna su tre”.

Queste che sembravano pessimistiche considerazioni di qualche medico isolato hanno in realtà trovato autorevoli conferme in un articolo dallemblematico titolo Ripensare la guerra al cancrocomparso a dicembre 2013 nella prestigiosa rivista Lancet (www.thelancet.com). Perchè l’obiettivo non è stato raggiunto? Dove abbiamo sbagliato?
Evidentemente concentrare tutte le risorse sulla  ricerca di terapie, spesso rivelatesi inefficaci  o sulla diagnosi precoce non è stata la strada vincente.
In effetti nuove emergenti teorie sulle modalità con cui il nostro genoma si relaziona con lambiente ci fanno capire come anche la nostra visione del problema cancro e non solo- sia stata estremamente riduttiva e di come quindi dobbiamo radicalmente cambiare il nostro punto di vista se solo vogliamo sperare di uscire da questo empasse.

Si è sempre pensato al genoma come a qualcosa di predestinato ed immutabile, ma le conoscenze che da oltre un decennio provengono dallepigenetica ci dicono che le cose non stanno così. Il genoma  è qualcosa che continuamente si modella e si adatta a seconda dei segnali - fisici, chimici, biologici - con cui entra in contatto. Come una orchestra deve interpretare uno spartito musicale facendo suonare ad ogni  musicante il proprio strumento, così l’informazione contenuta nel DNA viene continuamente trascritta attraverso meccanismi biochimici che comprendono  metilazione, micro RNA, assetto istonico che vanno appunto sotto il nome di  epigenoma.  Lepigenetica ci ha svelato che è l’ambiente che modella” ciò che  siamo, nel bene e nel male, nella salute e nella malattia....

L’origine del cancro non risiede quindi solo in una mutazione casualmente insorta nel DNA di una qualche nostra cellula, ma anche in centinaia di migliaia di modificazioni epigenetiche indotte dalla miriade di agenti fisici e sostanze chimiche tossiche e pericolose con cui veniamo in contatto ancor prima di nascere e che alla fine  finiscono per danneggiare in modo irreversibile lo stesso DNA.
L’articolo di Lancet  sostiene che  per vincere la guerra contro il cancro abbiamo bisogno di una nuova e diversa visione del campo di battaglia: per coloro che da decenni si battono per una riduzione  dellesposizione delle popolazioni agli agenti inquinanti e cancerogeni questa nuova visione del problema ha un unico nome: Prevenzione Primaria che non può essere ridotta solo alle indicazioni riguardanti gli stili di vita, ma che deve intervenire energicamente sulla tutela degli ambienti di vita e di lavoro, come ci indicano drammaticamente anche i dati recenti della cronaca italiana!

http://www.disinformazione.it/guerra_cancro.htm