IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

martedì 8 ottobre 2013

ELOHIM E LA DOMESTICAZIONE UMANA


di: Marco La Rosa


Genesi 1, 26-27
(Bereshit, creazione, origine)

" E Dio disse: "Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra." Dio creò l'uomo a sua immagine; / a immagine di Dio lo creò; / maschio e femmina li creò."

... poi:

Genesi 6, 1-8
(Corruzione del genere umano)

" Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra e nacquero loro delle figlie, avvenne che i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e presero per loro mogli tutte quelle che essi scelsero. E L'Eterno disse: "Lo Spirito mio non contenderà per sempre con l'uomo, perchè nel suo traviamento egli non è che carne; i suoi giorni saranno quindi centovent'anni". Vi erano dei giganti sulla terra a quei tempi e anche dopo, quando i figli di Dio si accostarono alle figlie degli uomini e queste partorirono loro dei figli. Essi sono gli eroi che esistettero nei tempi antichi, sono gli uomini famosi di quei tempi."

Dio quindi, ha a che fare con una creatura che per sue stesse parole si è "corrotta", inselvatichita.
Non è più governabile. Ecco che passato molto tempo, Elohim (purale di Eloah = divinità [?]) torna e decide di mettere in atto un programma di "DOMESTICAZIONE" mirato ad un solo "ceppo etnico", isolandolo nel deserto per un ESODO verso la terra promessa,  lungo 40 anni.  (Cfr. Bibbia: libri dei Numeri, Esodo, Deuteronomio). Ovviamente per tutti,  il popolo di Dio vaga per il deserto a causa della sua disobbedienza.

In questo lasso di tempo, è stato veramente possibile effettuare un programma accelerato di "domesticazione"?

Perchè Elohim, tra le tante leggi ferree che impone alle tribù di Israele istituisce il divieto assoluto di "mescolarsi" con altri ceppi etnici ?

La circoncisione, era una normale precauzione igienica, oppure doveva essere una ben precisa marchiatura di riconoscimento?

Quale selezione doveva essere fatta e a che scopo?

Domande senza risposte. Per ora.

Ad oggi, l’unico esempio pratico che potrei portare a sostegno della  teoria della  “domesticazione animale" ( e l'uomo è un animale) in tempi relativamente brevi (poche generazioni) e per scopi "selettivi" , è un esperimento iniziato negli anni ’50 in Russia, da parte di Dmitry Konstantinovich Belyaev sulle volpi argentate.

 "Un esperimento che continua anche ai nostri giorni e che lo rende quindi di uno dei più duraturi esperimenti che la biologia possa ricordare.
Belyaev lesse con grande interesse il libro di Darwin e venne affascinato dai primi capitoli sulla domesticazione di piante e animali. Una domanda lo torturava come un tarlo: ma come ha fatto l’uomo ad addomesticare gli altri animali e perché non ci era riuscito con tutte le specie? Belyaev, oltre alla grande passione per l’evoluzione era animato anche da una grande volontà di applicare i principi della genetica ai suoi studi.
Ma quelli dell’immediato dopoguerra non erano anni facili in Russia per chi si occupava di scienza. Stalin aveva posto a comando dell’accademia delle scienze Trofim Denisovich Lysenko, un vero restauratore, capace di dirigere l’accademia anche dopo la morte di Stalin.

Lysenko, detto in patria lo “scienziato scalzo” per le sue umili origini, fu fieramente opposto alla genetica, che riteneva una disciplina priva di fondamento, ed ostacolò chiunque volesse studiarla. Dagli anni ’30 agli inizi degli anni ’60 la sua influenza sugli scienziati sovietici fu molto  forte. Per gli oppositori la via dell’isolamento in Siberia era la strada segnata. Strada a cui andò incontro anche Nikolay il fratello di Dmitry Belyaev a sua volta scienziato.
Nonostante tutto questo Belyaev riuscì  a imbastire il suo eccezionale esperimento lontano da Mosca, a Novosibirsk. Belyaev si recò nei vicini allevamenti di volpi argentate (una variante cromatica, diremmo correttamente la forma melanica, della comune volpe europea)

 dove gli animali catturati nell’ambiente venivano tenuti fino al momento della soppressione per poi essere spogliati della preziosa pelliccia.
Belyaev partì da un nucleo di 50 maschi e 200 femmine, che vennero posti in condizioni di allevamento senza la presenza umana. Belyaev voleva scoprire se selezionando i caratteri più mansueti era possibile indurre un processo di domesticazione. In pratica i ricercatori osservavano le volpi senza essere a loro volta osservati. Anche la somministrazione di cibo avveniva in maniera tale che uomo e volpi non si incontrassero direttamente  (interessante notare come questo “significativo” tipo di studio che chiameremo per conclamata simpatia trekkiana: PRIMA DIRETTIVA, sia riscontrabile in molti passi degli antichi testi biblici ). In questo modo i ricercatori stilarono una classifica degli animali meno aggressivi, dandosi dei canoni che rimarranno gli stessi per tutto l’esperimento. Nelle prime generazioni solo il 5% dei maschi e il 20% delle femmine apparteneva all’élite di riproduttori meno aggressivi. Ma a furia di riprodurre sempre e solo gli animali più docili alla ventesima generazione l’élite riproduttiva si allargò fortemente  e oggi, a più di 50 anni dall’inizio dell’esperimento, ben il 70% delle volpi appartiene a questo gruppo (anche qui inseriamo doverosamente la letteratura biblica antica di riferimento con le leggi e le osservanze che  il popolo ebraico,  si è tramandato ed ha osservato scrupolosamente  nel corso delle generazioni, come appunto quello di non “mescolarsi” mai con gli altri … ).
Ma, tornando all’esperimento di Belayev , ad entusiasmare ancora di più furono gli effetti sulle caratteriste fisiche e fisiologiche delle volpi. Ben presto iniziarono ad apparire quelle caratteristiche tipiche della domesticazione: la depigmentazione del pelo, l’arricciarsi della coda, l’abbassarsi delle orecchie, l’accorciamento dei denti e soprattutto la docilità. Infatti, dopo le prime generazioni di isolamento alle volpi venne concesso di entrare in contatto con l’uomo, un contatto che non solo queste volpi non temerono, ma addirittura cercarono.

Accanto a queste caratteristiche macroscopiche le misure dei livelli ormonali di questi organismi testimoniarono una grossa diminuzione degli ormoni tiroidei e dei corticosteroidi (come il testosterone), tipici dell’aggressività e della paura.
In conclusione possiamo dire che Belyaev non ha creato un animale domestico, perché la domesticazione è un processo, non un evento e la storia è ben più complessa. Tuttavia, il suo esperimento ha chiaramente mostrato che il numero di generazioni necessarie per indurre variazioni consistenti tramite selezione artificiale è molto più ridotto di quello che ci si potrebbe aspettare.

Ricapitolando, c'è stata una creazione. Dopo è avvenuto un "inselvatichimento", per cui il Creatore (Creatori), hanno perso il controllo dell'ADAM (terrestre). Successivamente, secondo l'Antico Testamento, Elohim è tornato per riprendere in mano la situazione. Ciò però è stato fatto con un solo ceppo etnico. Perchè? A che scopo?

LA DOMESTICAZIONE E LA MODIFICAZIONE DEI GENI RELATIVI NON E’ ANCORA STATA DEL TUTTO COMPRESA DALLA SCIENZA, MA QUANDO L'UOMO ADDOMESTICA UN'ALTRA SPECIE ANIMALE, LO FA SEMPRE CON LO SCOPO DI CONTROLLARLA ED USARLA. DA QUALCUNO ABBIAMO IMPARATO !

LO STUDIO CONTINUA…

Biblio:
"Domesticazione, un esperimento dimenticato”.
Mauro Biglino: "Non C'è creazione nella Bibbia" - UNO Editori 2012
Fonte delle immagini: WikiMedia Commons e National Geographic

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA STORIA EVOLUTIVA DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA
DI MARCO LA ROSA
E' UN'EDIZIONE OMPHILABS
ACQUISTABILE DIRETTAMENTE DAL SITO OMPHILABS ED IN LIBRERIA

http://www.omphilabs.it/prod/L-UOMO-KOSMICO.htm



2 commenti:

Alessandra Gatti ha detto...

Una chiave di lettura insolita, ma intrigante, dei fatti biblici relativi alla nascita (o dovrei dire "domesticazione"?) del popolo eletto. Non sembra tuttavia che la mitezza sia stato uno dei tratti ricercati (non come nelle volpi argentate)... o no?

Marco La Rosa ha detto...

Concordo.
Nelle "domesticazioni" infatti non tutto riesce come programmato.
Nel supposto "programma" di domesticazione "Elohim" probabilmente gli scopi erano "particolari".
Ci sarebbe ancora molto da dire al riguardo...
Con Mauro Biglino abbiamo trovato molti altri aspetti interessanti da approfondire...alcuni saranno già nel suo nuovo libro in uscita a Novembre: LA BIBBIA NON E' UN LIBRO SACRO. IL GRANDE INGANNO. (UNO EDITORI).

Marco La Rosa